Nokia University Program: i 5 vincitori | Ingegneri.info

Nokia University Program: i 5 vincitori

wpid-385_nuovanokia.jpg
image_pdf

Si è conclusa l’edizione 2011 del Nokia University Program, un concorso, creato in collaborazione con Repubblica.it, che ha visto la partecipazione di oltre 50 atenei italiani. Obiettivo? Realizzare un’applicazione per smartphone.

Attraverso il sito del quotidiano è stato possibile votare le applicazioni giunte in finale. Delle numerosissime applicazioni giunte all’azienda Finlandese, solo cinque sono giunte in finale:

    •    “Cardiobeat” dell’Università degli Studi di Perugia;
    •    “E-school” dell’Università degli Studi di Foggia;
    •    “Footshare” dell’Università Bocconi di Milano e dell’Università di Bologna;
    •    “My Car” dell’Università degli Studi di Napoli Federico II;
    •    “PhotoFilterz” dell’Università degli Studi Roma Tre.

Cardiobeat rientra nella categoria wellness. In Cardiobeat la musica si muove al ritmo del cuore, sostenendo i suoi utilizzatori nello svolgimento di un’attività sportiva o riequilibrando il loro stato psico-fisico.

E-school, è stata la più premiata: si è piazzata al primo posto sia nella classifica generale, sia nel sondaggio di Repubblica.it. L’idea alla base dell’applicazione è l’unione di tutti gli attori della vita scolastica sia in senso verticale che orizzontale: è prevista una sezione news, da un’agenda per il docente, da una per lo studente, da una bacheca virtuale e da una vera e propria vetrina dedicata ai genitori che potranno monitorare l’andamento del proprio figlio.

Al secondo posto si è piazzata PhotoFilterz, applicazione realizzata da due ragazzi dell’Università degli Studi di Roma Tre, Daniele Midi e Antonio Tedeschi, i quali hanno sviluppato questo progetto in grado di applicare effetti divertenti alle foto attraverso la scelta di filtri che fanno parte di una galleria sempre aggiornata, utilizzando le potenzialità del Cloud (che si occupa della modifica dell’immagine, restituendola all’utente già filtrata).

La medaglia di bronzo è andata a MyCar dell’Università degli Studi di Napoli Federico II realizzata al fine di facilitare e semplificare la gestione pratica e amministrativa di un’auto, riducendo il tempo e l’attenzione necessaria per la manutenzione.

Soddisfazione è stata espressa dall’azienda Nokia ed  Elisabetta Ascione, responsabile del Nokia University Program, ci ha tenuto a sottolineare: “’ chiaro che in una congiuntura sfavorevole come quella attuale, ai giovani debbano essere offerte delle opportunità. Nokia quest’anno ha deciso di realizzare anche i progetti dei gruppi arrivati secondi e terzi creando così per un numero maggiore di studenti l’opportunità di portare a termine il lavoro progettato e di misurarsi con l’operatività rappresentata dalla fase di sviluppo”.

A.U.

Copyright © - Riproduzione riservata
Nokia University Program: i 5 vincitori Ingegneri.info