Pavimentazioni stradali drenanti: una pista ciclo-pedonale nel piacentino | Ingegneri.info

Pavimentazioni stradali drenanti: una pista ciclo-pedonale nel piacentino

Lo spessore di 9 cm della pavimentazione sopporta il transito dei mezzi agricoli e assicura un rapido scioglimento di ghiaccio e neve. Vediamo i dettagli del progetto di riqualificazione realizzato a S. Lorenzo Di Castell’Arquato

Betonrossi_5
image_pdf

Il lavoro, commissionato dal Comune di Castell’Arquato, in provincia di Piacenza, nel novembre del 2012, è stato realizzato nella Frazione di San Lorenzo di Castell’Arquato e prevedeva la realizzazione di una pista ciclo-pedonale composta di due tratti consecutivi separati da accesso ad abitazione privata, che collegasse il centro della frazione al cimitero; inoltre la pavimentazione doveva sostenere l’attraversamento di mezzi agricoli. La pista ciclo-pedonale esistente in precedenza, realizzata in conglomerato bituminoso, in breve tempo dopo la posa, si era deteriorata e presentava un ridotto sistema di raccolta delle acque, che utilizzava esclusivamente le caditoie poste all’inizio e alla fine di ciascun tratto. Inizialmente il progetto di riqualificazione prevedeva la realizzazione della pista in autobloccanti, ma i tempi ed i costi di posa rendevano il lavoro gravoso.

Drainbeton di Betonrossi: performante, resistente e versatile

La scelta è ricaduta quindi su Drainbeton, il cui impiego ha consentito di realizzare l’intera opera in circa 6 ore di lavoro. La capacità del materiale di autosostenersi ha consentito inoltre, di risparmiare la posa di cordolo di contenimento dal lato campagna (per un valore di circa €13.000), che si sarebbe reso indispensabile nel caso di realizzazione della pavimentazione in autobloccanti. Considerata la larghezza di stesa (m 1,40), per la posa in opera è stata utilizzata una finitrice stradale di ridotte dimensioni Amman AFW270.

Betonrossi_2

Betonrossi_2

Drainbeton di Betonrossi si rivela ancora una volta una soluzione efficace, ideale per la realizzazione di una pista ciclo-pedonale. La tipologia d’intervento e l’interesse per la realizzazione della pavimentazione in Drainbeton ha portato i tecnici di Amman ad essere presenti sul cantiere al fine di validare la compatibilità del materiale con le macchine di loro produzione, seguito dalla redazione di un report favorevole.

Lo spessore modesto della pavimentazione (9 cm in media) si è dimostrato sufficiente a sopportare anche il transito dei mezzi agricoli che attraversano la pista per accedere ai campi. In più occasioni è stato possibile inoltre, verificare la rapidità di scioglimento di ghiaccio e neve. Ad oggi la pista è totalmente fruibile e non presenta segni di ammaloramento e/o fessurazioni.

Betonrossi_6

Drainbeton: innovazione ed elevate performance

Drainbeton di Betonrossi rappresenta la soluzione in grado di soddisfare differenti esigenze progettuali e di cantiere, strutturali ed estetiche, abbattendo allo stesso tempo i costi di realizzazione e di manutenzione. In particolare tra le sue caratteristiche spiccano le seguenti:

  • la stesa avviene “a freddo”, senza emissione di fumi nell’ambiente e rischi per la sicurezza degli operatori;
  • la posa in opera può avvenire a temperature ambientali sensibilmente inferiori rispetto a quelle limite per i conglomerati bituminosi;
  • il basso ritiro igrometrico del materiale non richiede la realizzazione di giunti di contrazione;
  • l’eventuale pigmentazione conferita al materiale interessa la miscela di calcestruzzo per l’intero spessore (non solo superficialmente), risultando quindi omogenea e di lunga durata nel tempo;
  • il piano di posa richiede caratteristiche di regolarità e portanza normalmente richieste per i sottofondi di pavimentazioni stradali.

Inoltre, già dopo 2 o 3 giorni dalla stesura, Drainbeton raggiunge valori di resistenza sufficienti a consentire l’apertura della strada al traffico veicolare, compreso l’eventuale passaggio dei mezzi di cantiere. Le resistenze a 7 e 28 giorni sono tali da consentire l’impiego del materiale anche per pavimentazioni stradali a elevato volume di traffico.

Va inoltre sottolineato che Drainbeton è a tutti gli effetti un conglomerato cementizio, pertanto la posa in opera del materiale può avvenire a temperature ambientali sensibilmente inferiori rispetto a quelle limite per i conglomerati bituminosi, arrivando anche fino a pochi gradi sopra lo zero. E nel caso di interventi di modesta superficie o in zone non accessibili alla finitrice, Drainbeton può essere steso e compattato mediante staggia vibrante. Infine, il basso ritiro igrometrico del materiale non richiede la realizzazione di alcun giunto di contrazione, né tantomeno l’utilizzo di armature.

Un elevato effetto drenante

L’impiego di materiali drenanti in ambito stradale è sempre più diffuso, sia per far fronte alle elevate esigenze di sicurezza di marcia anche in condizioni meteo sfavorevoli, sia come strumento per la regolazione dei deflussi delle acque piovane. La soluzione per questa tipologia di applicazioni in ambito stradale è efficacemente rappresentata da Drainbeton che, grazie all’elevato volume di vuoti interconnessi, consente al manto stradale realizzato di drenare anche di 40 l/mq ogni secondo, garantendo comunque elevati valori di resistenza ai carichi.

Inoltre, la matrice aperta di Drainbeton consente il continuo ricircolo d’aria che accelera sensibilmente il processo di scioglimento di neve e ghiaccio. Il tutto senza dimenticare che la colorazione chiara del materiale, combinata con l’elevata porosità della miscela, determina una minore fonte di assorbimento termico rispetto ai conglomerati bituminosi, consentendo anche un più rapido dissipamento del calore. Le ottime caratteristiche di drenabilità rendono dunque Drainbeton particolarmente indicato per la realizzazione d’interventi in zone a tutela ambientale, per le quali è richiesta la restituzione delle acque piovane al terreno. In aggiunta: la struttura a filtro del materiale limita anche la necessità di interventi di trattamento delle acque meteoriche e riduce gli effetti nocivi di eventuali inquinanti.

Un prodotto efficace, dai mille impieghi. Le applicazioni di Drainbeton sono davvero molteplici, grazie a caratteristiche prestazionali davvero straordinarie. Vediamole insieme

  • Drainbeton è resistente agli idrocarburi e al fuoco: questo ne consente l’impiego anche in zone particolarmente a rischio di incendi o di sversamento di carburanti (es. piazzali di parcheggio, stazioni di servizio, depositi carburanti, ecc.).
  • Drainbeton è in grado di mantenere invariate le proprie caratteristiche fisico-meccaniche ed estetiche nel tempo e non richiede pertanto particolari operazioni di manutenzione. Solo per applicazioni in zone interessate da grandi quantità di detriti o polveri può rendersi necessario un intervento di ripristino saltuario della drenabilità mediante pulizia con acqua in pressione.
  • Drainbeton può anche essere impiegato in combinazione con uno strato di usura in conglomerato bituminoso drenante, dando origine a una pavimentazione doppio-drenante/fonoassorbente, conferendo al pacchetto non solo doppie caratteristiche di drenabilità e fonoassorbenza, ma anche minore deformabilità e maggiore resistenza ai carichi, con un significativo incremento della vita utile della pavimentazione.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito oppure scaricare la scheda tecnica di Drainbeton, disponibile qui di seguito in pdf.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pavimentazioni stradali drenanti: una pista ciclo-pedonale nel piacentino Ingegneri.info